• Destinazioni,  Dove dormire

    Dove dormire a Malcesine

    In questo articolo vi ho parlato di come Malcesine sia un punto di partenza eccezionale per cominciare ad esplorare la sponda veneta del Lago di Garda. Stavolta invece voglio suggervi dove dormire a Malcesine, e perchè no, anche dove mangiare!   La nostra preferenza quando cerchiamo un posto dove dormire con i bambini, ricade sempre sull’appartamento. Abbiamo più volte spiegato quali secondo noi sono i vantaggi nella scelta dell’appartamento rispetto ad un hotel, ampi spazi per Achille e Augusto e cucina attrezzata, solo per citarne alcuni. Quindi anche in questo caso la nostra scelta su dove dormire a Malcesine, non poteva che ricadere su un appartamento. E che appartamento!     Un appartamento eco friendly   Dormire a Malcesine in una casa storica del ‘400, che mantiene intatto il fascino di un tempo, e al tempo ristrutturata completamente utilizzando materiali ecologici e moderni. Sembra un sogno vero?   Invece è semplicemente quello che troverete negli appartamenti di Casa Kaki. In posizione centralissima,  nel cuore del borgo e precisamente fra le seconda mure nel quartiere del Bec di Malcesine, casa Kaki è uno di quei luoghi che ricorderete sempre con piacere, ripensando ai vostri giorni sul lago.       Vi basterà varcare il cancello per ritrovarvi in una piccola corte interna, perfetta per rilassarsi fra un’escursione sul Monte Baldo e una nuotata al Lago, magari leggendo un libro e riscoprendo il fascino dello scrivere una cartolina. Sulla corte si affacciano i due edifici in cui si divide la struttura, con i suoi sette appartamenti, caratterizzati ognuno da dettagli di arredo di colore diverso, ma sopratutto super attrezzati. Vi rimando direttamente al loro sito per i servizi offerti, perché sarebbe troppo lungo elencarli tutti.   Un meraviglioso albero di cachi all’interno della corte, spiega la scelta del nome di questi appartamenti.…

  • Destinazioni

    Malcesine con i bambini: scoprire il lago di Garda

    In un’estate ancora di incertezza per quanto riguarda il turismo, sopratutto verso l’estero, perché non scegliere una meta in Italia? In questo articolo vi suggerisco di scoprire il lago di Garda partendo dal borgo di Malcesine con i bambini, perfetto come punto di partenza per le vostre gite.   La scorsa estate cercavamo una meta last minute, raggiungibile comodamente in macchina da Vicenza, così la nostra scelta è subita ricaduta sul bellissimo lago di Garda. Le possibilità in questa zona sono davvero infinite, per la vastità del Lago ovviamente, ma anche per la ricca offerta: il bagno al lago, un trekking sulle vicine montagne, paesini e borghi da visitare, nessuno della famiglia rimarrà deluso.   Malcesine con i bambini è stata una bellissima scoperta, andiamo a vedere perché.         Il borgo medievale di Malcesine   Malcesine è un piccolo borgo medievale, tutto da scoprire. Sarà bellissimo per i vostri bambini camminare per le strette vie del paese, per la maggior parte pedonali. Amiamo questa possibilità e quando ci capita, lasciamo grande libertà ad Achille e Augusto di camminare da soli, senza mai perderli di vista, ma con la possibilità di guardare ed esplorare in autonomia. Ci siamo innamorati di queste vie, dolci pendii ciottolati che si affacciano direttamente sul lago. E abbiamo ben presto capito il perchè Goethe stesso se ne innamorò, durante il suo viaggio in Italia.     Tutto fu trovato bene, ed ottenni il permesso di potere girare tutto il paese in lungo ed in largo, a mio arbitrio, in compagnia di mastro Gregorio. Il padrone della locanda dove era sceso ci volle accompagnare e si rallegrava tutto colla prospettiva dei molti forastieri, i quali non possono mancare di affluire a Malsesine, quando ne saranno divulgati i pregi. Ricordi di viaggio in Italia nel…

  • Destinazioni

    Valeggio sul Mincio con bambini

    Valeggio sul Mincio e la sua frazione Borghetto, sono le mete ideali per una bella gita fuori porta da fare in giornata con i bambini. Uno dei borghi più belli d’Italia dove passare qualche ora di pace e tranquillità, adagiato lungo il fiume Mincio, fra verdi colline e molti vigneti. Un angolo di Toscana in provincia di Verona. In questo ultimo anno abbiamo riscoperto il turismo di prossimità. Abbiamo guardato con occhi diversi luoghi e scorci vicini a dove abitiamo, il più delle volte sottovaluti o semplicemente ignorati, perché presi dalla voglia di vedere il mondo. Così, per necessità, abbiamo dovuto riprogrammare le nostre mete. E abbiamo iniziato ad esplorare i territori che ci circondano. Valeggio sul Mincio con i bambini è stata una piacevole scoperta.       Cosa vedere a Valeggio sul Mincio e Borghetto   Ecco cosa potete vedere a Valeggio sul Mincio con i bambini, vi basterà una mezza giornata, da passare lenta per godersi la tranquillità del borgo. Noi siamo partiti da Vicenza alla mattina e a metà pomeriggio eravamo a casa, stanchi ma felici.    Suggeriamo di parcheggiare l’auto in uno dei parcheggi appena fuori dalla zona pedonale di Valeggio sul Mincio. Sono abbastanza grandi e gratuiti e sarete a due passi dal centro del paese.   Il centro di Valeggio è completamente pedonale, quindi chiuso al traffico. Questo vi permetterà, con una bella passeggiata di raggiungere la frazione di Borghetto, il vero gioiello della vostra gita. Ma prima di raggiungere Borghetto, inerpicatevi lungo la piccola salita di Via degli Scaligeri che vi condurrà alle porte di un castello.     Il Castello Scaligero   Il Castello Scaligero domina la Valle del Mincio, mantenendo inalterato il suo fascino. Questa è una meta imperdibile se passate da Valeggio sul Mincio con bambini, Achille e Augusto…

  • Destinazioni

    Tre cime di Lavaredo con bambini

    Il giorno dopo aver percorso la pista ciclabile San Candido-Lienz avevamo due opzioni prima del nostro rientro a casa dopo il weekend lungo in Val Pusteria: una più tranquilla e una più croccante. Chi ci segue su Instagram (se non lo fate vi invito a farlo per non perdervi le nostre avventure!) sa che noi della Tribù siamo sempre a favore dell’opzione CROCCANTE. Non potevamo quindi davvero lasciarci sfuggire un’escursione alle Tre Cime di Lavaredo con i nostri bambini. Come raggiungere le Tre cime di Lavaredo in macchina   Il Rifugio Auronzo, base di partenza della nostra camminata, distava appena 40 minuti da Sesto, così ci siamo svegliati presto e dopo una super colazione montanara abbiamo raggiunto il rifugio. Percorrere l’ultimo tratto di strada e parcheggiare per tutta la giornata vicino a quest’ultimo ha un costo di 30 €.   Potrebbe sembrare un costo esorbitante, ma in realtà a mio parere avere la comodità di raggiungere uno spettacolo naturale come le Tre cime di Lavaredo, patrimonio mondiale Unesco, vale questo prezzo. Ci ha ricordato molto l’ingresso nei Parchi Nazionali degli States, durante il nostro viaggio di nozze.   In alta stagione la strada potrebbe essere abbastanza trafficata e il parcheggio pieno, potreste valutare di prendere il pullman da Misurina, Auronzo oppure Dobbiaco.   Prima tappa: il Rifugio Lavaredo   Una volta parcheggiata la macchina inizia la camminata con partenza dal Rifugio Auronzo, imboccando il sentiero 101 che vi porterà alla meta della vostra prima parte di camminata, il Rifugio Lavaredo, 2344 m. Questa prima parte di cammino è davvero semplice, per lo più pianeggiante, può essere davvero fatta da bimbi di tutte le età e grandi anche poco allenati.   Questa prima parte può essere fatta anche con un passeggino, se da trekking meglio.     Nonostante questo il paesaggio…

  • Destinazioni

    San Candido-Lienz con bambini

    Una ciclabile su misura per famiglie   Finalmente, dopo mesi molto difficili di lockdown, siamo potuti tornare a fare una delle cose che amiamo di più: viaggiare. Sono stati mesi in cui abbiamo dovuto confrontarci con una situazione per tutti noi nuova e difficile, mesi in cui abbiamo avuto tempo per riflettere e forse apprezzare ciò che abbiamo e ciò che diamo tutti i giorni per scontato. Abbiamo dovuto gestire i nostri bimbi a casa, tra nonni, permessi e mille peripezie, ma ce l’abbiamo fatta. Quindi appena è stato possibile abbiamo fatto le valigie per goderci qualche giorno in montagna. Abbiamo scelto come base per il nostro weekend la meravigliosa Val Pusteria, più precisamente Sesto, per un motivo: la ciclabile San Candido-Lienz.   Il nostro piccolo viaggio è stato costruito attorno a questa famosa ciclabile, di cui abbiamo sempre sentito parlare, e dopo averla percorsa ci è stato chiaro il perché!   Ecco quindi alcuni suggerimenti per organizzare la vostra giornata percorrendo in bici la ciclabile San Candido-Lienz con i vostri bambini. Qualche dato prima di partire Il tratto più famoso della ciclabile della Drava, così chiamata perché costeggia l’omonimo fiume da Dobbiaco a Maribor in Slovenia, è quello che parte da San Candido e raggiunge Lienz, in Austria, per un totale di circa 45 km. Ma non spaventatevi per la distanza, è una ciclabile perfetta da fare con i bimbi in quanto è QUASI totalmente in discesa! A parte alcuni brevi tratti in salita, non avrete mai problemi nel percorrerla e con le varie tappe che potete fare lungo il percorso, non sarà assolutamente faticoso. Calcolate circa 3 ore per percorrerla tutta, con calma e tappe escluse.   Per il ritorno invece consiglio di prendere il treno dalla stazione di Lienz che in 45 minuti vi riporterà a San…