• Pensieri e Parole

    E i bambini?

    Il 4 maggio, se tutto procede per il meglio, l’Italia ripartirà. Terminerà finalmente il lockdown, che ci ha costretti a casa per settimane. Le aziende produttive (per lo meno quelle che non lo avevano già fatto) riprenderanno la produzione, bar e ristoranti riapriranno, così come i negozi. Probabilmente anche il mondo del calcio ripartirà, dato che si sta in tutti i modi cercando di portare al termine la stagione. Sono d’accordo con queste scelte, non credo si possa proseguire per sempre con le attuali restrizioni e dobbiamo cercare di ripartire, per la nostra sopravvivenza economica e sociale. Quindi ben vengano indicazioni su come ripartire e quali protocolli seguire per poterlo fare in sicurezza, senza rischiare di vanificare tutto ciò che abbiamo fatto fino ad ora. In tutto questo però non ho mai letto sui giornali o sentito delle dichiarazione da parte delle istituzioni un piano per far ripartire la scuola. Sembra dato per assodato ormai che l’anno scolastico termina qui e arrivederci (forse) a settembre. Già questo fa capire quale importanza viene data all’istruzione nel nostro paese, settore fra l’altro tra i più “tagliati” in ogni manovra finanziaria. Mi sono allora chiesto due cose. La prima è come mai in altri paesi d’Europa si sono studiate e credo trovate delle misure per permettere la riapertura delle scuole. Con questo non voglio dire che sia giusto riaprire, non ho le competenze per farlo, ma mi aspetto, anzi pretendo che chi ci guida metta sulla stessa bilancia economia e istruzione. Mi aspetto che spieghi perché non si può riaprire e sopratutto cosa aveva pensato per poterlo fare e non la ha reso possibile. Mi aspetto che in tutta questa situazione vengano presi in considerazione i nostri figli. Abbiamo chiesto loro dei sacrifici enormi e li abbiamo privati del diritto di istruzione e…

  • Pensieri e Parole

    Evviva le maestre!

    Viva le maestre! Qual è il primo pensiero che avete fatto leggendo questa frase? Pensate sia un matto oppure siete d’accordo con me? Mi spiego meglio. Da diversi anni ormai abbiamo iniziato a frequentare la Scuola. Non intendo la nostra scuola in particolare, ma quel microcosmo che è il mondo dell’Istruzione, che accompagnerà i nostri bimbi in tutta la loro infanzia, poi l’adolescenza, fino a condurli nel mondo del lavoro. Leggendo queste poche righe si può capire, che ruolo e importanza fondamentale abbia nella crescita dei nostri figli e di conseguenza nelle nostre vite. Quindi dopo qualche anno, dato che sia Achille che Augusto hanno cominciato sin dall’asilo nido, mi sono fatto un’idea ben chiara di cosa non possa mancare nel rapporto fra genitori ed educatori. La fiducia. Una fiducia totale nelle persone a cui ogni mattina affiderete i vostri bambini è, a parer mio, il segreto perché sia voi che i vostri figli viviate al meglio questo rapporto e tutto ciò che ne consegue. Fidarvi dei metodi educativi che vi vengono proposti e delle attività che vengono svolte, perché dovete sempre tenere a mente che vengono fatte esclusivamente per i nostri bambini. Troppe volte sento genitori lamentarsi per motivi futili, pensando unicamente al proprio figlio, senza pensare che la classe è fatta da molti bimbi, di caratteri e personalità diverse, e che le educatrici sono lì per aiutare tutti loro nella loro crescita. Può succedere che Augusto giocando, spericolato com’è, cada. Oppure che venga morso da un compagno, che avrà avuto le sue buone ragioni. Quale colpa hanno la maestre in questi casi? A parer mio nessuna. Ci sono alcune cose che non possono essere controllate, né a scuola né soprattutto a casa, non potete prendere al volo un bimbo mentre sta cadendo né impedire che si avvicini ad…

  • Pensieri e Parole

    Essere genitori

    Questa sera è successa una cosa che mi ha molto rattristato e al contempo fatto riflettere. Dopo cena, la mamma è fuori, sono solo con i bimbi. Abbiamo mangiato e appena finiscono hanno l’abitudine di giocare in soggiorno. E’ un bel momento: hanno iniziato da qualche mese a giocare assieme, Augusto finalmente può interagire con suo fratello maggiore, e Achille può dargli delle piccole istruzioni e compiti. Chiaramente, in questo modo sono iniziati i primi litigi: vogliono lo stesso gioco, “lottano” e così via, quindi puntualmente qualcuno finisce per piangere, ma tutto nella norma. Stasera però, Achille ha tirato un orecchio a suo fratello e ho alzato la voce per rimproverarlo. Di tutta risposta ho ricevuto una pernacchia, così mi sono alzato in piedi per dirgli che non si fa: ho fatto un movimento brusco e senza neppure avvicinarmi l’ho spaventato. Mi sono sentito terribilmente in colpa, mi sono reso conto che ha preso paura, così subito l’ho preso in braccio per tranquillizzarlo. E allora ho pensato. Ho pensato che non è giusto perdere la pazienza con i bimbi, solo perché abbiamo avuto una lunga giornata a lavoro. Ho pensato che non dovremmo mai dirgli che siamo troppo stanchi per leggergli una storia. Oppure che non abbiamo il tempo di giocare con le costruzioni. Non siamo mai troppo vestiti bene per buttarsi per terra insieme a loro. Non ci saranno mai abbastanza piatti sporchi da lavare per non colorare con loro. Proprio quando ci sembra di non avere più un briciolo di pazienza, quando siamo a fine giornata e sentiamo che abbiamo finito le energie, spremuti dagli impegni quotidiani, quando il quel momento i nostri bambini con i loro capricci non ci stanno che chiedendo un po’ di attenzione. Proprio in quel momento dobbiamo pensare che noi genitori siamo responsabili della loro crescita…

  • Pensieri e Parole

    Lasciatevi ispirare da un film 2/2

    Il secondo film di cui vorrei parlare, come scritto nel precedente articolo, si intitola Captain Fantastic. Racconta la storia di Ben Cash, un padre che vive con i suoi sei figli nei boschi degli Stati Uniti, lontani da ogni forma di civiltà, a stretto contatto e connessione con la Natura. La madre non c’è e dopo poco minuti dall’inizio della pellicola, viene spiegato anche il motivo della sua assenza. In ogni caso la scelta di educare i figli attraverso un rigido allenamento fisico, con corse a perdifiato fin sulla cima della montagna, e mentale, assegnandogli libri da leggere o strumenti musicali da imparare, è condivisa da entrambi i  genitori. Desiderano infatti crescere dei figli con forti principi e valori, cercando di prepararli alle difficoltà che potrebbero incontrare in questa nostra società materialista e consumistica.   -Che cos’è la Coca Cola? -Acqua avvelenata.   Il film diventa poi una sorta di road movie, arrivando al punto focale del racconto e del motivo per cui mi ha colpito: Ben si interroga sul significato di essere genitore e sul proprio metodo educativo. Si chiede se sta facendo le scelte giuste per i propri figli o se invece sta sbagliando tutto. Questa è una domanda che anche io mi faccio spesso. Sento una grande responsabilità nell’educazione di Achille e Augusto, sapendo che molte delle scelte che faremo nei primi anni della loro vita, potranno avere delle conseguenze per il loro futuro. Credo che un rimprovero, un abbraccio, un sorriso o un arrabbiatura possano avere grande importanza nella crescita di un figlio, soprattutto in questi primi anni di vita, in cui stanno costruendo il proprio carattere e imparando a gestire emozioni e reazioni. Cerco di insegnarli il rispetto, l’educazione, l’amore, pesando ogni gesto, parola o reazione. Non è sempre facile, anzi, ma mi sforzo ogni…

  • Pensieri e Parole

    Lasciatevi ispirare da un film 1/2

    Ho sempre amato il cinema e sempre guardato molti film, non mi piace un genere in particolare ma al contrario ho sempre preferito spaziare fra i titoli più disparati e dei generi più diversi, esclusi la maggior parte dei film di fantascienza e i blockbuster, che proprio non riesco a farmi piacere. Con la nascita dei bimbi però e la conseguente nascita della tribù, fra cambi pannolino, notti insonni, pappe, denti e chi più ne ha più ne metta guardare un film per intero è diventata un’impresa titanica! Quindi io e Benedetta abbiamo guardato sempre meno film, sostituti a tutti gli effetti dalle serie tv. Puntate più brevi di un film, hanno preso sempre più piede grazie all’altissima qualità della loro realizzazione, tanto che non è raro trovare grandi attori cinematografici recitare in una serie tv. In ogni caso ci sono due film che vorrei consigliare perché in qualche modo mi ispirano giornalmente, alimentano questa grande passione nel viaggiare e mi ispirano in un certo senso come padre. Sono due film che ho visto in momenti diversi della mia vita, ma che hanno suscitato in me quasi le stesse sensazioni, per questo potrei definirli dei film manifesto: Into the wild e Captain Fantastic. Into the Wild è la storia vera di Christopher McCandless, un ragazzo americano che possiamo definire benestante, il quale dopo la laurea decide di abbandonare la famiglia e gli amici e di intraprendere un lungo viaggio alla ricerca di sé stesso, attraverso gli Stati Uniti che lo porterà fino in Alaska. Sono rimasto folgorato da questa storia per la forza e la perseveranza di Chris e la sua estenuante ricerca verso una libertà estrema. Il suo rapporto conflittuale con la famiglia, la critica verso il consumismo e la società moderna, i dubbi, le incertezze, i sogni e…